FONDI UE, L’ITALIA RISCHIA DI PERDERE 11 MILIARDI

04

Quanti miliardi di euro di fondi europei perderà l’Italia se, entro il 31 dicembre 2015, non spenderà gli 11 miliardi ancora disponibili al 30 giugno 2015? Non possiamo scriverlo qui perché, mentre chiudiamo questa edizione di Dd, i dati non sono ancora noti (li comunicheremo nelle prossime settimane). Abbiamo timore, però, che le incapacità di governo dell’Italia emergeranno e saranno dolori. Le risorse che non risulteranno certificate alla Commissione europea entro i termini prestabiliti, saranno irrecuperabili. In altre parole addio a vari miliardi. Da luglio a dicembre, per evitare di perdere tutti questi soldi una buona parte delle amministrazioni pubbliche italiane è ricorsa al piano B. In pratica, sono stati sostituiti i progetti decaduti o comunque non realizzati con i cosiddetti “progetti sponda”. Si tratta dunque, di fatto, dello spostamento all’interno dei Por (Programma operativo regionale) di alcuni progetti già avviati dalle Regioni con altre risorse, che possono andare a integrare o sostituire le misure o i progetti che presentano difficoltà operative o sono irregolari. Il meccanismo è ormai più o meno accettato dalla Commissione europea, a patto che le risorse liberate siano destinate a investimenti equivalenti con finalità analoghe. L’Efdd-M5s Europa propone cinque punti per un migliore uso dei fondi: programmazione basata sui veri bisogni del territorio; maggiore trasparenza nei bandi; presenza di un Ministero dedicato alla coesione territoriale (e non delegato alla Presidenza del consiglio); ripartizione dei target di spesa in maniera più omogenea durante la fase di programmazione per evitare ‘corsa alla spesa’ e progetti fantoccio; maggiore attenzione alla scelta dei dirigenti e delle rispettive competenze.


'FONDI UE, L’ITALIA RISCHIA DI PERDERE 11 MILIARDI' Nessun commento

Commenta per primo questo articolo

Vuoi condividere i tuoi pensieri

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adsrightddTorna alla Homeadsrightdd

Copyright 2014 - Dd-Democrazia diretta