LA UE “INDAGA” SUL PETROLIO IN BASILICATA

15

L’Ue sta effettuando un’indagine sui problemi ambientali e sanitari provocati dalle estrazioni petrolifere in Basilicata.
La scelta dell’organismo europeo è stata fatta dopo le numerose denunce e battaglie del M5s. Ora, il governo Renzi, il governatore della Basilicata Pittella, la magistratura, gli organi di informazione non possono continuare a far finta che tutto vada bene e accettare che le società petrolifere portino avanti i loro progetti di estrazione senza dare conto dei danni che producono. “Il petrolio produce inquinamento e povertà, gli interessi economici delle multinazionali e le royalties, che non rappresentano neanche il cinque per cento del bilancio regionale lucano, – spiega il portavoce eurodeputato Pedicini – non possono giustificare che il futuro e la storia di un’intera regione vengano devastati da una scelta così scellerata. La salute dei cittadini, il patrimonio ambientale, l’acqua, l’agricoltura e il turismo valgono molto di più delle necessità di fare cassa da parte del governo Renzi e delle carriere personali di alcuni politici lucani come i fratelli Pittella, Bubbico, De Filippo e Speranza. L’indagine che ha aperto la Commissione europea, – precisa Pedicini – è un fatto straordinario e unico che ci consente di tenere i riflettori accesi su questa vicenda. Sappiamo bene che è solo un primo passo e che anche la Ue ruota intorno a logiche speculative legate ai governi nazionali, però siamo anche convinti che con la nostra azione e la nostra presenza a Bruxelles ci sono le condizioni per arrivare all’apertura di una procedura di infrazione che spinga le autorità italiane a rivedere i piani di sfruttamento del petrolio lucano”. Non dimentichiamo che nell’acqua del lago Pertusillo, che si trova vicino ai pozzi petroliferi, sono state trovate tracce di metalli pesanti da idrocarburi con valori superiori di 32 volte rispetto alle norme ed è stata riscontrata una moria di pesci.


'LA UE “INDAGA” SUL PETROLIO IN BASILICATA' Nessun commento

Commenta per primo questo articolo

Vuoi condividere i tuoi pensieri

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adsrightddTorna alla Homeadsrightdd

Copyright 2014 - Dd-Democrazia diretta